Gran Premio Brasile 2013. Sul circuito di Interlagos, Vettel alla 9° vittoria consecutiva.

0 515

Vettel vince il GP del Brasile. 2 Webber, 3 Alonso - (cubosport.eu)

Già sul circuito di Austin era record, ma in Brasile sul circuito di Interlagos, Sebastian Vettel ha deciso di migliorarlo ulteriormente: 9° vittoria consecutiva per il tedesco della Red Bull.
Sul circuito di Interlagos il 4 volte campione del mondo ha conquistato la sua 13° vittoria stagionale come suo solito, cioè volando via sin dal 2° giro e concedendo solo a Nico Rosberg un passaggio di notorietà prima di scappare via, indenne persino al pasticcio ai box della sua squadra che si era persa una ruota.

Mark Webber da l’addio alla F1. Se ne parla da giugno, ma alla fine è arrivato il momento del saluto alla Formula 1 da parte di Mark Webber. L’australiano ha fatto una bella corsa lottando a lungo con Fernando Alonso e chiudendo in 2° posizione (o primo dei “normali”): per lui si tratta del 42° podio in carriera su 217 Gran premi disputati.

Ferrari sul podio di gara e tra i costruttori. Torna sul podio Fernando Alonso con la Ferrari: lo spagnolo era da cinque Gp che aspettava, ma la soddisfazione è di poco conto perché la Ferrari resta 3° nel mondiale Costruttori con 6 punti di distacco dalla Mercedes. La F138 si è difesa bene in condizioni anomale: le prove si sono effettuate sul bagnato, mentre la corsa si è disputata sull’asciutto, senza informazioni efficaci sulla messa a punto. Ebbene in questa situazione anomala lo spagnolo della Ferrari non ha sfigurato nel confronto con le Red Bull Racing.

Button ritorna protagonista. L’ultima gara della stagione ha visto il ritorno alle posizioni che gli competono per Jenson Button: il pilota della McLaren, come anche il suo compagno di squadra Sergio Perez, è stato autore di una grande gara in rimonta. L’inglese aveva rischiato in qualifica un assetto da asciutto ed era scivolato al 15° posto in griglia ma l’astuto Jenson è stato premiato, perché l’acqua invocata dai commentatori tv non si è vista.

La Mercedes fa il suo “compitino”. Voleva il 2° posto nella classifica costruttori la Casa di Stoccarda, e quello ha centrato, senza troppi fronzoli, con Nico Rosberg 5° e Lewis Hamilton 10°: l’inglese ha pagato un drive through per il contatto che è costato l’uscita di pista di Valtteri Bottas, ma comunque le frecce d’argento oggi non sono parse al top della forma.

A Massa non riesce la festa. Il brasiliano Felipe Massa voleva chiudere con una bella prestazione il suo lungo matrimonio con la Rossa, ma ha pagato con un drive trough il suo passare con tutte e quattro le ruote dove non si poteva. Il brasiliano si è detto molto risentito di questo e sostiene che i commissari si siano inventati questa regola, ma fatto è che fosse l’unico a comportarsi così. O forse no? Gira la voce che anche altri piloti abbiano fatto lo stesso, come dimostrano le tante comunicazioni radio ai piloti di fare attenzione una volta vista la penalità al ferrarista… Alle spalle del carioca si è inserito Nico Hulkenberg 8° con la sua Sauber, davanti a Lewis Hamilton e Daniel Ricciardo.

Ricciardo, un decimo posto con la Toro Rosso. Il prossimo pilota della Red Bull, Daniel Ricciardo si è guadagnato con un ottima gara la sua 10° posizione portando a casa un punticino per la sua, ormai ex, Toro Rosso.

 

PER LA CLASSIFICA COMPLETA CON GARA, QUALIFICHE E PROVE LIBERE DEL GRAN PREMIO DEL BRASILE CLICCA QUI

PER LA CLASSIFICA FINALE PILOTI E TEAM CLICCA QUI

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

quattordici + sei =